Vallagarina terra di castelli manieri cavalieri e dame. Si narra che nella battaglia del 10 agosto 1487 le operazioni iniziarono già nella notte, quando, i veneziani, attraverso un ponte di barche, attraversarono l'Adige per puntare verso Castel Beseno e Castel Pietra, ultimi baluardi rimasti a difesa di Trento, la capitale del Principato vescovile, dopo aver espugnato il Castello di Sabbionera Castel Noarna e Castel Corno. Come pure si narra dell'amore tra Corrado e Berta. Il cavaliere Corrado di Seiano fu ospite a Castel Corno sopra il Maso Carpenè e vi incontrò la bella castellana Berta. I due si innamorarono e decisero di sposarsi ma, mentre venivano celebrate le loro nozze, vennero trasformati in statua di pietra. Chissà se è vero. Chissà! Partendo dal Maso, attraverso i sentieri  che si ergono tra filarzi di Marzemino e boschi di Carpino si arriva sotto al Castello chiuso ai visitatori ma che il Maso può accedervi con i propri Ospiti. Nelle giornate di sole, quando tutto attorno regna il silenzio, dopo l'ultimo rintocco delle campane della chiesa di Isera, c'è chi giura di aver sentito provenire dalla sala grande i sussulti dei due innamorati stretti in un eterno abbraccio d'amore. Chissà. Certo è che la magia del posto fa volare in alto lo spirito e ti ritrovi in un mondo magico d'altri tempi. Riscendendo per la strada della cascata la natura ti avvolge: silenzio spruzzi d'acqua rumori della bosco. E ti ritrovi al Maso senza esserti reso conto del tempo trascorso e senza capire da dove sei arrivato avvolto nel senso di amore che il posto sprigiona.