Muscolare o elettrica non fa differenza; come neppure montain bike o bici da corsa: dal Maso si diramano molteplici percorsi, sterrati e asfaltati di diversi livelli difficoltà e durata. Destinazione il lago di Garda con i sentieri che dalla Val di Gresta scendono come a strapiombo sul lago con una vista mozzafiato che ti fa mancare il respiro; o lungo la ciclabile che porta al lago passando per Mori e Nago, la stessa via che fu teatro della "Galeas per montes" la faraonica  impresa di ingegneria militare realizzata nella primavera del 1439 dalla Repubblica di Venezia che consistette nel trasportare delle navi galee per terra dall'Adige al lago di Garda.
 Ma non solo: trovandosi sull'asse Verona Brennero è punto di partenza o di passaggio anche per Trento e poi Bolzano, con la via ciclabile che passa per la suggestiva strada del vino dove odori e sapori fanno da contorno a un paesaggio del verde intenso delle viti. O per i passi dolomitici, dove sui percorsi del giro d'Italia ogni vetta è sangue e sudore e una medaglia che rimane incisa perenne nel cuore. O a sud verso Verona e poi giù verso le altre mete d'Italia o verso il basso lago di Garda scendendo per le due Gardesane, quella orientale e quella occidentale dove tra Limone, Malcesine, fino a Sirmione passando per  Campione, Torri, Gargnano, Garda, è tutto un susseguirsi di piccoli paesi e borghi uno più bello dell'altro! Pedalando per queste strade il tempo viene a svanire e non si sà dove vanno a finire le ore.